Il Design Thinking applicato alla politica

Sabato 15 dicembre Gaia Raisoni e Marco Miglioranzi hanno organizzato il “Laboratorio delle Idee Italia” a BASE Milano. E’ stato un pomeriggio in cui si sono condivise idee, è cresciuto l’entusiasmo per costruire qualcosa insieme e si sono fatte nuove conoscenze. Tra i partecipanti erano presenti i giovani componenti di quattro comitati di azione civile Ritorno al Futuro del territorio milanese: Vero Milano, Europa San Giuliano Milanese, Crescita Milano 4 e Crescita Milano 6.  Anche altri giovani hanno partecipato, sbalordendo i facilitatori nella costruzione delle proposte. Due interventi WOW, con Ivan Scalfarotto e Emanuela Marchiafava, hanno arricchito il pomeriggio di lavoro.

I partecipanti hanno formato tre gruppi, misti per background e interessi, mentre i facilitatori – Gaia e Marco – li hanno aiutati a concretizzare e rendere comunicabili gli obiettivi individuati e le idee per realizzarli. Forse per la prima volta, in un’iniziativa politica sono stati utilizzati strumenti del design thinking per facilitare il brainstorming e l’interazione e anche per elaborare proposte concrete.

Temi come la formazione, dei più piccoli ma soprattutto degli adulti, la cultura, la bellezza, l’inclusione sociale, l’uso consapevole dei social media sono emersi in maniera trasversale a tutti i gruppi. Proprio da questi temi, i gruppi hanno individuato gli obiettivi da raggiungere nel medio periodo.

Tra le tante proposte emerse, segnaliamo quelle maggiormente condivise:

  • Corsi di educazione civica nelle scuole e nelle aziende, per stimolare l’interesse e la consapevolezza dell’essere cittadini.
  • La creazione di una rete per abbinare a ogni scuola italiana una scuola europea di pari livello, facilitando così lo scambio, il lavoro comune, la costruzione di un’identità europea.
  • Una serie di incontri su temi di interesse dove il comitato -a volte ospite, a volte ospitato- entra così in sinergia con eccellenze e competenze da mettere a disposizione della comunità.
  • Un corso di formazione sull’utilizzo e la gestione consapevole dei social media.
  • Una piattaforma per l’accesso all’informazione “vera”, in grado di mettere in contatto anche persone con competenze multiple, in grado di recuperare “forze”, come chi è ormai in pensione ma non per questo inattivo,  e in grado di raggiungere grandi numeri.

Le parole di Ivan Scalfarotto hanno sintetizzato l’obiettivo comune, che è quello di avere la possibilità di impegnarsi concretamente per “fare”, non solo sognare di cambiare le cose, riuscendo così a creare un network tra i comitati a livello nazionale. Ivan ha lanciato l’invito a prendere parte all’incontro del 19 gennaio prossimo a Milano per continuare il percorso intrapreso e conoscere nuove opportunità. Stay tuned.

 

p.s.: se volete contattare questi comitati, li trovate alla pagina Comitati.